Lavoro, la KSS delocalizza PDF Stampa E-mail

Approda alla camera dei deputati la questione della KSS, azienda che produce AIR BAG  e INFLATORS a Colleferro e dove sono occupate circa 440 persone.

La Key Safety Systems ( KSS ) sta delocalizzando i propri impianti da Colleferro verso la Romania è quanto si apprende da fonti sindacali, molto preoccupati per il mantenimento dei livelli occupazionali a Colleferro.Attraverso una interrogazione parlamentare i deputati del  PD, CARELLA, GASBARRA, MORASSUT e META chiedono  al governo l’avvio di un tavolo tra azienda, sindacati e istituzione locali dove affrontare la delocalizzazione che la KSS sta mettendo in atto.

Non possiamo permetterci un’ulteriore perdita di posto di lavoro, in una zona come quella della valle del Sacco già pesantemente colpita dalla crisi e dove altre aziende hanno già chiuso o sono in procinto di farlo”. È quanto dichiara On. Renzo Carella primo firmatario dell’interrogazione parlamentare.

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

 

Al Ministro dello Sviluppo Economico e al Ministro del lavoro: - Per sapere - premesso che:

da quanto si apprende dal comunicato delle organizzazioni sindacali, la Key Safety Systems (KSS), azienda produttrice di dispositivi di sicurezza passiva installati all'interno delle auto quali airbag ed inflators, di proprietà di una multinazionale statunitense, con stabilimento a Colleferro, dove impiega circa 440 persone, ha iniziato un piano di ristrutturazione, che prevede la delocalizzazione progressiva verso la Romania delle proprie linee di produzione che terminerà entro la metà del 2014;

la prospettata delocalizzazione fa sorgere il timore di drastici tagli occupazionali nello stabilimento di Colleferro;

la chiusura dello stabilimento aggraverebbe la situazione occupazionale e industriale dell’area della Valle del Sacco già provata dalla chiusura di altri importanti stabilimenti tra i quali quelli dell’ARC Automotive Italia Srl e dell’Alstom, determinando una emergenza sotto il profilo economico e sociale;

è opportuno e necessario intervenire con decisione al fine di contrastare la politica di delocalizzazione decisa dalla KSS e indicare una soluzione diversa che porti al rilancio del sito di Colleferro e al mantenimento dei livelli occupazionali -:

quali iniziative intenda intraprendere il Governo al fine di salvaguardare il livello occupazionale e scongiurare la perdita di ulteriori posti di lavoro in una realtà, quella della Valle del Sacco, che già risulta essere in piena emergenza sociale, a tal fine anche prevedendo l’apertura di un tavolo di confronto presso il Ministero dello sviluppo economico tra l’azienda, le organizzazioni sindacali e le istituzionali locali.

 

 

CARELLA , GASBARRA, MORASSUT, META

 
Data: 19 Apr, 2014
mod_vvisit_counterOggi31
mod_vvisit_counterQuesta settimana1061
mod_vvisit_counterQuesto mese3312
mod_vvisit_counterTot Accessi al sito216984